Segnala su Facebook
Condividi su Facebook
Segnala su Twitter

Google Più Uno
Home I Libri per Te Un giorno questo dolore ti sarà utile di Peter Cameron - Recensione di Paolo Pappatà

 

"Un giorno questo dolore ti sarà utile" di Peter Cameron

 

Belle frasi e inizio fulminante ma la storia che via via diventa storiella (ed il titolo ampolloso ed evocativo diventa addirittura irritante), naviga a vista, una narrazione che annega nell'impossibilità di dirsi e dirci qualcosa.

 

Ho provato ad intervistare il protagonista di questo romanzo, non mi ha risposto. Troppo impegnato alle attività di onanismo mentale della sua età. E non ha saputo neanche dirmi se preferisce l'odore dei libri oppure Facebook. C'è un ragazza Gillian, sua sorella, che deve essere molto attraente o comunque versione free download, c'è una madre disastrosa al terzo matrimonio, il cui ultimo è durato sin poco dopo il giuramento all'altare, c'è una galleria d'arte dove un artista senza nome mantiene l'anonimato per vendere di più in nome di una poetica, e c'è Barry, scherziamo, perfetto, amico, scostante quanto basta, il padre dedito ad emolumenti generosi e plastiche varie per non invecchiare e John, che deve nascondere con cura la sua omosessualità. Poi soprattutto e soprattutto James. L'adolescente ricco con famiglia devastata che chissà perché (dai, scontato) vuole deludere i genitori separati e ricchi non andando all'università ma comprando casa in campagna, lavorando manufatti e scostando coetanei perché noiosi. Non metto il dubbio che sia così, ma anche lui diverte poco. C'è chi l'ha paragonato a "Il giovane Holden", ma per carità, chi lo ha amato e basta, chi, in età analoga, lo ha trovato addirittura capolavoro. Sappiatelo, non sono d'accordo.

Benissimo. Ironia dissacrante, niente moralismi, perfetta superficialità, scrittura almeno in traduzione apparentemente lieve ma spessa, inossidabile e l'ho cominciato con le migliori intenzioni. Poi scivola via, nelle più ampie e paludose banalità del racconto che vuole diventare romanzo e quindi si nutre di parole per essere indigesto. Al di là del finale che non è finale, di Holden ho trovato poco, mi pareva un Auster ultima maniera in realtà, ma con molto meno mestiere e molto, molto allucinante e fastidioso ammiccamento, del tipo faccio il figo, lo so, ora ti diverto in modalità mainstream e ti auguro di non incontrare mai Stoner. Comunque come si dice, un poco stiracchiato e forse ma poco forse, un poco pallido, anzi sciatto.

...continua a leggere su libritudini.blogspot.it

 

[ I Libri per Te ]

Ricerca personalizzata
 

Accedendo all'area
riservata è possibile
inserire un evento
in calendario.
Accedi

Chi è online
 72 visitatori online