Segnala su Facebook
Condividi su Facebook
Segnala su Twitter

Google Più Uno
Home I Consigli del Vetrinista Errori in Vetrina
Errori in Vetrina | Stampa |  E-mail

 

“I principali errori in vetrina”

 

La vetrina deve rispecchiare ciò che offrite e invogliare il cliente a entrare.
Non abbiate paura di lasciare degli spazi vuoti, essi servono ad accentrare l’attenzione sugli spazi di esposizione.

 

Durante la mia esperienza ho notato alcuni errori ricorrenti nell’allestimento delle vetrine e spesso mi è risultato difficile svolgere al meglio il mio lavoro a causa della “paura” dei titolari posti davanti a progetti di cambiamenti radicali.

Se Vi rivolgerete ad un professionista Vi consiglio di lasciarVi guidare senza timori, chiedendo le motivazioni delle scelte espositive che non condividerete, sono certa che il vetrinista sarà lieto di tranquillizzarVi con delle semplici spiegazioni.

Tra gli errori più comuni ho riscontrato:

- L’assenza di un’insegna o la poca visibilità di essa. Cercate di far si che il Vostro nome sia ben visibile, in modo che il passante Vi memorizzi e che possa facilmente collegare nome/negozio.

- La tendenza ad utilizzare la vetrina come spazio in cui mostrare TUTTO ciò che il negozio offre. Questo è poco funzionale, infatti risulta caotico e non invoglia ad entrare (se in vetrina non c’è niente che interessa al passante egli penserà che all’interno non ci sarà nient’altro  ).

La vetrina deve rispecchiare ciò che offrite e invogliare il cliente a entrare.

Non abbiate paura di lasciare degli spazi vuoti, essi servono ad accentrare l’attenzione sugli spazi di esposizione.

- L’esposizione di troppi colori. Ciò comporta sempre un’impressione di disordine, è consigliabile allestire le vetrine con un paio di colori.

- L’assenza di supporti nell’abbigliamento o l’esposizione di supporti diversi tra loro. Cercate di procurarVi sempre dei manichini o dei busti, grazie ai quali è meglio visibile la resa del capo indossato e scegliete di acquistare supporti tutti uguali, non mischiate busti e manichini, o busti sartoriali con busti rigidi, o busti bianchi con busti rossi… questo per mantenere l’immagine uniforme e far risaltare maggiormente i capi.

- L’assenza dei prezzi (esporre il prezzo è obbligatorio per legge, inoltre al cliente medio non piace chiedere “quanto costa?” ogni volta) o l’esposizione di prezzi su post-it colorati… se avete una bella calligrafia potete anche scrivere il listino a mano, l’importante è che sia ordinato.

- Appoggiare i prodotti per terra. Ciò toglie valore al prodotto, non è necessari investire migliaia di euro, alcuni negozi prendono degli scatoloni e li ricoprono con un bel tessuto o una bella carta.

Spero che da queste considerazioni troverete spunti utili per migliorare l’immagine del Vostro punto vendita.

Autore: DEVA ART - Vetrinista, Visual Merchandiser e Make-Up Artist

 

[ scheda autore ]

Ricerca personalizzata

 

 

Accedendo all'area
riservata è possibile
inserire un evento
in calendario.
Accedi

Chi è online
 86 visitatori online