Segnala su Facebook
Condividi su Facebook
Segnala su Twitter

Google Più Uno
Home I Consigli del Vetrinista La Vetrina è Comunicazione
La Vetrina è Comunicazione | Stampa |  E-mail

 

Allestimento Vetrina di Francesca MediciLa maggior parte delle persone considera lo shopping un'opportunità per vedere qualcosa di nuovo nelle vetrine, magari sognando di poter avere l'ultimo must, una bella borsa di Prada in coccodrillo in diverse varianti di colore!
Un rinnovo periodico della vetrina è molto importante, perché un punto vendita comunica con la vetrina stessa attirando l’attenzione del cliente e invogliandolo a entrare, la disposizione interna cerca di persuadere all'acquisto "dalla vetrina al punto vendita" e il disporre correttamente la merce all'interno del retail (vendita al dettaglio) significa aiutarla a "vendersi da sola", ad eliminare le giacenze di magazzino, di conseguenza contribuire ad aumentarne la redditività. Il "visual merchandising" mira esattamente a questo: trasformare il punto vendita in una moderna "macchina per vendere" a elevata produttività che sfrutta tutte le opportunità offerte dalla vendita visiva.

Nella vetrina la disposizione della merce deve essere ben visibile, mai appesantirla ma eliminando elementi superflui, bisogna abbinare più articoli con massima semplicità mantenendo proporzioni tra un gruppo e l' altro (corner), bisogna imparare come si realizza una vetrina nella sua totalità, partendo dalla conoscenza del prodotto fino ad arrivare alla comunicazione visiva, approfondendo ogni singolo passaggio.
Allestire una vetrina non significa riempire tutti gli spazi espositivi ma operare con abilità, gusto e fantasia, creando equilibrate esposizioni attenendosi a delle regole.
Un esempio potrebbe essere come quando andate in una galleria d'arte, dove ogni quadro è visto e apprezzato separatamente lasciandovi un ricordo complessivo di tutta la mostra avendo però memorizzato delle opere che hanno suscitato particolare interesse.
Ci sono vari campi merceologici, articoli rigidi=freddi (vasellame, libri, profumerie, elettrodomestici, giochi), articoli morbidi=caldi (tessuti, biancheria per la casa, tendaggi), abbiamo comunque sempre una possibilità di modellare o modificare, però bisogna ricordarsi di non esagerare nel cambiare troppo l’aspetto originario del prodotto.
Allestimento Vetrina di Francesca MediciMolto importante prima di iniziare un lavoro è controllare lo stato della vetrina, che si deve presentare sempre perfettamente pulita, controllare i punti luce e in caso modificarli aggiungendo o cambiando le direzioni per far sì che il punto focale sia ben illuminato, controllare l'utilità di una pedana che possa alzare i manichini nella migliore zona di visibilità del cliente (160/170 cm), è importante una buona armonia di colori che rende il tutto più leggibile.
Per un ottimo risultato finale bisogna unire più punti: assecondare le mode del momento, mettendoci oggettività nel creare un giusto equilibrio di esposizione-esperienza, seguendo bene la linea d’immagine del negozio e le sue adeguate esigenze, anche i materiali decorativi dovranno riallacciarsi a riferimenti legati al prodotto.


Autore: Francesca Medici - Vetrinista, Visual Merchandiser e Organizzatrice di Eventi.

[ scheda autore ]

Ricerca personalizzata

 

 

Accedendo all'area
riservata è possibile
inserire un evento
in calendario.
Accedi

Chi è online
 66 visitatori online