Segnala su Facebook
Condividi su Facebook
Segnala su Twitter

Google Più Uno
L'Abbigliamento | Stampa |  E-mail

 

A PROPOSITO DI ABBIGLIAMENTO...

 

L'esposizione sui manichini permette di avere la percezione immediata degli abbinamenti e di come sono i capi indossati e qualche capo esposto piegato o appeso, può destare curiosità nel passante e spingerlo ad entrare per vederlo meglio.

 

Dopo aver parlato della necessità di valorizzare il prodotto lasciando anche spazi vuoti e dell'importanza di movimentare la merce calda nel mio precedente articolo “Pulizia e vita!”, vorrei ora soffermarmi in particolare sull'allestimento delle vetrine di abbigliamento. Avendolo “vissuto” sotto diverse forme, dopo ventidue anni di lavoro dedicato ad esso, posso dire di avere sufficiente esperienza per poter dare qualche consiglio in merito ad alcuni aspetti, in questo caso soprattutto espositivi.

Per quanto riguarda l'allestimento interno, é bene suddividere i capi per colore creando delle macchie omogenee ed esporre articoli diversi per tipologia creando abbinamenti “total look”.
I capi appesi devono essere sufficientemente distaccati l'uno dall'altro, ben stirati e spazzolati da eventuale polvere. Nei capi piegati invece è importante mantenere le proporzioni uguali, partire da sotto con le taglie più grandi e/o i colori scuri e terminare con le taglie inferiori e/o i colori chiari.

Per quanto riguarda invece la vetrina consiglio sempre l'esposizione sui manichini, che permettono al passante di avere la percezione immediata degli abbinamenti e di come sono i capi indossati e sconsiglio invece l'esposizione per terra, assolutamente poco visibile, o con grucce, antiestetiche. Bensì qualche capo esposto in modo non visibile nel suo intero (piegato o appeso ad esempio) può destare curiosità nel passante e spingerlo ad entrare per vederlo meglio.

Regole che valgono per entrambe le installazioni sono il cambio almeno ogni due settimane, in modo da poter far girare i capi e in questo modo rinnovarli soprattutto quelli più fermi, e la rifinitura con accessori (sciarpe, foulard, cappelli, bigiotteria, borse, scarpe, ecc).

In sintesi, sono soprattutto l'ordine, la cura e la pulizia sia all'interno sia in vetrina, che determinano la buona immagine del negozio, quella che il cliente ricorderà e probabilmente pubblicizzerà in modo positivo.

 

Autore: Chiara Grippo - Vetrinista e Visual Merchandiser.

 

 

[ Scheda Autore ]

Ricerca personalizzata

 

 

Accedendo all'area
riservata è possibile
inserire un evento
in calendario.
Accedi

Chi è online
 332 visitatori online