Segnala su Facebook
Condividi su Facebook
Segnala su Twitter

Google Più Uno
Home Cristiano Sias Golpe d’inverno - poesia di Cristiano Sias
Golpe d’inverno - poesia di Cristiano Sias

 

Golpe d’inverno

di Cristiano Sias

 

Non passa più
langue in me la voce stantia
trent'anni morir mi basta
in vino celeste e rosso cielo
al caldo tepore dell'anima mia.
Laggiù non muovono bandiere al vento
scuoton le foglie il loro sprone immane
il golpe d'inverno tace
ghiaccio di pallido cuore
dell'antico rifugio consiglio
aspetta.

Non torna più
l'idea di pane della nebbia d'ieri
l'eterno brina i miei occhi velati
soli, giocar ci basta
ricordi immolar al fuoco e al sangue
d'invocare gatti sui tetti
senza proferir parole.
Primi all'inizio
del sole incantati
qui ci fermammo
ma d'ogni sole il profumo mi guasta
questa noiosa tetra compagnia
oggi incontrata
ieri ai lampi e giochi dedicata
domani, solitudine
sovrasta.

 

Cristiano Sias

www.cristianosias.it

www.nuovapoesia.com

altre opere di Cristiano Sias su VsW

 

[ salottino letterario ]

Ricerca personalizzata
 

Accedendo all'area
riservata è possibile
inserire un evento
in calendario.
Accedi

Chi è online
 52 visitatori online